Antonietta Capecchi

 Antonietta Capecchi nasce in Inghilterra nel Maggio 1949.

Nel 1957 la sua famiglia si trasferisce in Italia, a Lucca. Qui frequenta l'Istituto Magistrale per poi iscriversi al Magistero di Firenze ove si laurea nel 1972 in Pedagogia.

Attratta  da sempre dal mondo delle arti figurative, ha praticato costantemente nel corso degli studi e durante gli anni di insegnamento, il disegno e la pittura. Per anni ed anni i suoi lavori,

riconoscibili perché  personali  per tecnica e per contenuto, sono stati inseriti in un contesto figurativo dove appare costante l'elemento del cavallo. Forte è per lei l'emozione provocata dall'arte del passato ancora presente in quella del Novecento. L'ammirazione e l'amore per Marino Marini, che rispecchia l'arte etrusca nelle  sculture e nei dipinti, è evidente.

Le tele di Marini, e precisamente le composizioni di forme e di elementi, riferibili agli anni “ 60, hanno costituito per lei il primo interesse per l’arte astratta, interesse sempre più profondo  che ha innescato l’attenzione per un altro autore della seconda metà del Novecento italiano e cioè  Oreste Basaldella (detto Afro), grande astrattista  di cui riportiamo una affermazione che testimonia la passione di Basaldella per l’arte antica e che costituisce un insegnamento prezioso:

 

“Dimentica i pieni, cioè le figure, e guarda la perfezione delle forme dei vuoti. Impara a leggere i quadri antichi prescindendo dalla figura e imparerai a trovare gli stessi valori nei quadri moderni che all’apparenza non hanno un rapporto naturalistico”.

 

L’abbandono quindi di una pittura figurativa e la ricerca di una  espressione attraverso colori e forme astratte si concretizzano in lavori dove l’equilibrio diviene elemento principale .

Oltre a mostre personali e collettive tenute in Italia, Francia e U.S.A, Antonietta Capecchi espone in gallerie  nella provincia di Pisa, Roma e Pietrasanta.

Natura Morta  -  Bianco e Nero cm 150x150

 Home Page

Opere

Mostre

Biografia

News